Consiglio provinciale davanti alla Prefettura per sollecitare urgenti infrastrutture stradali

Continua anche la protesta del gazebo per chiedere  il completamento dell’autostrada Cuneo-Asti

Consiglio provinciale in via Roma (g.c.)

Cuneo – Il Consiglio provinciale informale di lunedì 4 marzo si è riunito in un luogo altrettanto informale come via Roma davanti alla Prefettura di Cuneo, ma l’argomento posto ad oggetto dell’incontro era molto preciso e ufficiale: chiedere al Governo il completamento dell’autostrada Cuneo-Asti, ferma dal 2012 e, più in generale, la conclusione di tante infrastrutture pubbliche attese in alcuni casi da decenni.

Il presidente della Provincia Federico Borgna: “Siamo qui per l’autostrada Cuneo-Asti, ma non solo. Continueremo il presidio tutti i giorni, dalle 8 alle 20, fino al 25 marzo e il giorno dopo andremo a Roma sotto la sede del ministero a Infrastrutture e Trasporti, dove il ministro Danilo Toninelli ci aveva incontrato sei mesi fa, rassicurandoci che la soluzione era in arrivo. Non ci interessa come, ma l’autostrada va finita immediatamente”.

Oltre a Borgna, erano presenti i consiglieri provinciali Annamaria Molinari, Giorgio Lerda, Simone Alberto, Massimo Antoniotti e  Rosita Serra (presidente consiglio comunale di Fossano). Tra i temi portati al centro del dibattito anche il raddoppio del tunnel di Tenda, le attese circonvallazioni di Demonte e di Cuneo, la ricostruzione del ponte di Monchiero e molti altri ponti da sistemare, la ferrovia internazionale Cuneo-Ventimiglia, il viadotto di Fossano, la viabilità di accesso all’ospedale di Verduno e, non ultimo, la messa in sicurezza degli oltre 3 mila km di strade provinciali per cui mancano fondi sufficienti.

Carla Vallauri – Uff. Stampa Provincia

Potrebbero interessarti anche...